Parole per chitarra

Band :
Titolo : PAROLE PER CHITARRA
Release Date : 2016
Label :

Finito il primo album, ero distrutto. E’ stato un lavoro immane a cui non ero preparato. Ho curato praticamente tutto: ne ero l’autore, il produttore artistico ed esecutivo, e avevo suonato tutte le chitarre. Mandato alle stampe il master, sono partito per Siviglia. Un ricaricarmi le batterie durato due anni, al termine dei quali un po’ di voci in coro mi chiamavano alla mia rotta maestra: la terra, che faceva riecheggiare il canto a chitarra sardo in ogni cante jondo che suonassi; l’amore, che dallo schermo del computer era diventato ormai un’urgenza per gli altri sensi; e specialmente la mia “missione” di cantautore. Tutti abbiamo una missione, un progetto per cui a un certo punto, mentre vaghiamo beati in quella grande sala d’attesa che è lo spazio tra una vita e l’altra, ci sentiamo pronti. E decidiamo di nascere. Proprio lì, proprio in quel momento, perché in quel momento ci è chiaro che siamo “la persona giusta al posto giusto”. La mia missione, evidentemente, è scrivere canzoni. E come solo l’universo sa assisterti nel momento in cui fai una cosa giusta, tutto sembra essersi mosso verso la realizzazione di questo mio nuovo album, Parole per Chitarra: le vittorie al premio Donida, l’incontro con Monica, l’ingresso nella sua etichetta, il sodalizio artistico e umano con Massimo, la perfetta sinergica con Simone, il legame fraterno con Gianluca, la conferma del sostegno degli amici “di lunghissimo corso” come Stefano e Max, la collaborazione e la stima di grandi professionisti come Gianmarco, Sergio, Luca e Piergiorgio… Tutto si è messo veramente per il verso giusto. E ho scritto tanto, più di quanto non avessi mai scritto. Della mia storia con Kathrin, dei nuovi amici che questo 2015 mi ha fatto incontrare, della mia “riscoperta” famiglia, del mio amore per la magia e i Tarocchi, e forse soprattutto del mio rapporto trentennale con questo meraviglioso sonoro pezzo di legno che è la chitarra, la mia migliore amica di sempre. Tra tutte le storie che ho scritto da quando ho salutato la mia seconda casa andalusa, ne abbiamo scelte dodici, come i mesi dell’anno, come nel disco precedente. Come mi piace pensare che sarà nel prossimo.